spacer
la notizia al centro,
il cuore a sinistra.

Dir. responsabile: Donatella Coccoli Dir. editoriale: Ilaria Bonaccorsi
è un sito MyCyrano!


Parla con Left


Americhe
Asia
Europa
Africa e Medio Oriente


Trasformazione
Libri
Cinema
Musica
Teatro
Arte

Mercati


Chi siamo
Contattaci
Redazione
Pubblicità
Credits

Abbonamento cartaceo


 
Un prodigio ma non è azzurro Stampa E-mail
Mario è  stato scelto dalla nazionale Under 17. E invece non può giocare. Non ha la cittadinanza.

«Ogni due anni vado in questura per il rinnovo del permesso di soggiorno di Mario. Dopo ore di coda, consegno il numeretto e la documentazione. E ritiro il pezzo di carta. Come fosse arrivato in Italia da ieri». È la signora Silvia Balotelli - un marito, tre figli, abita a Concesio, vicino Brescia - racconta di Mario.  Non è il suo badante, né un suo dipendente. Nato a Palermo da genitori ghanesi, il piccolo Mario fu affidato alla famiglia Balotelli dal Tribunale di Brescia nel 1993, aveva tre anni. Un istituto, quello dell’affido, basato sulla legge 184 del 4 maggio 1983, modificata poi dalla 149 del 28 marzo 2001, che al comma 2 dice: «Il minore temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo è affidato ad una famiglia, preferibilmente con figli minori, o ad una persona singola, in grado di assicurargli il mantenimento, l’educazione, l’istruzione e le relazioni affettive di cui egli ha bisogno». Però succede, spiega Silvia, «che un ragazzo nato in Italia e affidato ad una famiglia di italiani quindici anni fa, debba essere considerato come un immigrato. Mario, come tutti i ragazzini italiani, vorrebbe visitare l’Europa, fare un corso di inglese in Inghilterra come i suoi compagni di classe senza richiedere il visto al Consolato e richiedere autorizzazioni per l’espatrio. Ma non può».

Appassionato di calcio, da piccolissimo Mario comincia a palleggiare. Dalla squadra dell’oratorio passa al Lumezzane Calcio ed entra nelle grazie dei grandi club. Vince coppe e tornei, ma la sua frustrazione rimane quella di dover utilizzare il cognome dei genitori naturali, Barwah, al posto di Balotelli. Cominciano a parlare di lui come un enfant prodige del calcio italiano, anche se proprio italiano non è. Lo scorso aprile debutta in serie C a soli 15 anni. Ora è richiesto dalle squadre di mezza Europa. Un provino al Barcellona gli spalanca un sogno, il trasferimento dal calcio provinciale a quello stellare di Ronaldinho. E un altro sogno, quello di giocare in maglia azzurra. Ma a causa della sua situazione burocratica, non ha potuto rispondere alla convocazione della nazionale Under 15 e di quella Under 17. «Per ovviare a questo disagio, che gli nega opportunità e gli chiude strade, e peraltro disturba la sua sensibilità di adolescente - racconta Corrado, uno dei tre figli della signora Silvia - abbiamo presentato un’istanza al tribunale dei minori chiedendo l’adozione speciale, ai sensi dell’articolo 44 della legge 184, la cosiddetta adozione mite». Una via breve all’adozione che il tribunale dei minori di Bari ha iniziato a seguire due anni fa, contestata però da molte associazioni (prima fra tutte, l’Associazione nazionale famiglie adottive affidatarie). Ma i genitori naturali hanno rifiutato e l’istanza è stata respinta. «Ora dobbiamo aspettare che Mario compia  i 18 anni. Solo allora potrà decidere autonomamente la cittadinanza e chiedere l’adozione che, come maggiorenne, non gli potrà essere negata», conclude Corrado.

La storia di Mario Balotelli Barwah riapre anche il problema sulla cittadinanza dei figli di immigrati nati in Italia. Il nostro paese a differenza di Francia e Germania, è ancorato allo ius sanguinis, la cittadinanza trasmessa per comunanza di sangue, tipico dei paesi a forte emigrazione, anziché lo ius soli, la cittadinanza concessa per legami col territorio tipico invece dei paesi di immigrazione. L’Italia è maglia nera in Europa in questo campo e spesso la cittadinanza italiana è più facile ottenerla sposandosi con un italiano (o un’italiana) piuttosto che nascendo a Roma o Milano, e frequentando le scuole italiane. Il presidente del Consiglio Prodi ha dichiarato che questo tema è una priorità del governo e che presto partirà un tavolo programmatico. Ma intanto per Mario il tempo passa, e questo potrebbe non far bene al suo calcio, e non solo.

Michele Novaga
 
23 giugno 2006 

 
< Precedente   Prossimo >
 
Federalismo, governo in bilico
Arsenico e vecchi rubinetti
L'Aquila, e la chiamano ricostruzione
La guerra di Gianfranco
Da Tangentopoli a mani sporche
Fiat, ciao Italia e grazie di tutto
Verbali volant
Protezione civile: Tremonti “azionista”
Fiat, Punto su Belgrado
Cie, diritti “sedati”
Balcani, imperialismo energetico
Agazio Loiero: «È l’ora di cambiare rotta»
Troppe attese per il nuovo Pd
Territorio, Sabina cuore di cemento
Antonio Di Pietro: Bertolaso dica ciò che sa
Gioacchino Genchi: se provano a fermarmi...
Puglia, peggio di Tangentopoli
I servitori infedeli nell’era delle stragi
Obama, la sua Africa
G8, quel che resta di Genova
L’altra faccia dell’Iran


Crociate d’Olanda
Cecenia infinita
L’incognita iraniana
Niger, colpo di Stato democratico
Usa, il domani che verrà
Messico e inferno
Dubai, sogni infranti nella sabbia
Tempo d’India
Derivati, la rivincita
Obama alla corte del Dragone
La sete di Baghdad
Chi ha paura del Balucistan
Africa, in fila per la democrazia
Di carbone e di altre sciocchezze
Un po’ di rosso sopra Berlino
Tutti pazzi per l'atomo
Chernobyl bosniaca
Kurdistan, quale futuro
Gabon, il voto sa di broglio
Afghanistan, aspettando il futuro
Duello al Sol Calante
Iraq, il bottino impossibile


Lombardo, uomo del “fare”
Preti & prede
Nome in codice Oriente
La decapitazione del Gotha
È Mafiagate
La Capitale alemanna
Lo sciopero della fame dei malati di Sla
Calvario Cucchi
Nucleare? Signorsì
Appalti, e il controllore finì sotto inchiesta
La guerra delle pale a vento
Sindona fa sempre scuola
Processi, ora Marcello ha paura
Emergenza casa, business della Chiesa
Berlusconi ha fatto un Boffo
Fiumicino, atterraggio nel Terzo mondo
I veleni di Tito Scalo
I prof di religione non danno voti
Lo Stato fallisce, la mafia fa profitti


L’essere umano al centro della politica
La Pietra dello scandalo
Ulipristal, una pillola tutta da scoprire
Un papato di passaggio
Lo scienziato che cerca l’io
L’avventura chiamata Raistereonotte
Ru486, la piccola Commissione degli orrori
Signori, non siamo la tv
In ricerca di pace
Il flusso libero di Zaha Hadid
Il logos e le donne
Joumana Haddad: donne e libertà
La fabbrica delle donne
La laicità non è una bestemmia
In cerca della Terra gemella
Quando il regime confinò il pensiero
Gobetti, libertà e rivoluzione
L’altra faccia del socialismo
Cartesiani ancora tra noi
La scelta di Rebiya
Dopo Nietzsche, Lilith
La democrazia apparente
Il Dna non è razzista
Cristianesimo, la superstizione vantaggiosa


Euro: né alto né basso, né sopra né sotto
L’autostrada della sola
Il quarto sindacato
La rivolta di Atene
Chiesa radioattiva
I furbetti della crisi
Fondi Fas, uno scippo al Mezzogiorno
Tutti gli abusi delle statistiche
Padrone di casa esentasse
La sostenibile pesantezza del debito
Dove Sacconi separa Brunetta unisce
Una morsa globale stritola la Nortel
Un milione di posti di lavoro. In meno
Innse, i guai non finiscono
Enasarco, la resistenza degli inquilini
L’Italia in paradiso. Fiscale
Fiat, con i quattrini degli altri
Luciano Gallino: il crack coi nostri soldi
I bugiardi dell’ottimismo

Ed. Altritalia soc. coop.
P.I. 06811331005
Libertà Eguaglianza Fraternità Trasformazione
LEFT Avvenimenti © 2009
 
spacer